Individual

Go to List of Family Names Go to List of People < Previous Next >

RENZULLI Salvatore
Birth:          8 Oct 1902 San Michele di Serino, Italy
Death:          23 Jun 1995 

Notes
fb post by Francesco de Feo 21 Jun 2020
N MEMORIAM
di Renzulli Salvatore / Salvatore ‘o Sinnico
Nacque l’8 ottobre 1902 a S. Michele di Serino (AV) da Pasquale e Maria Cimminiello. Sin da bambino 
mostrò precoce attitudine ai lavori agricoli più impegnativi.
Nel giugno 1922 si arruolò nel Corpo della Guardia di Finanza, prestando servizio sino al giugno 1928 
presso le Legioni di Cagliari, Roma e Napoli; fu obbligato a congedarsi per aiutare la famiglia nella 
coltivazione dei campi, essendo il padre Pasquale di nuovo emigrato negli Stati Uniti dove aveva lavorato per 
tre anni alla ricerca di miglior fortuna. Nel dicembre 1928 contrasse matrimonio con Carmela Vigorita, dalla 
quale ebbe sei figli: Pasquale, Antonio, Maria, Giovanna, Alba e Celestino.
La crisi economica mondiale che aveva investito anche l’Italia lo convinse nel 1933, con altri pochi 
sammichelesi, a partire in bicicletta alla volta delle Paludi Pontine, affrontando condizioni terribili di vita e di 
lavoro, ove il regime fascista intendeva trasformare quei territori infestati dalla malaria a nord di Terracina in 
terre coltivabili ed abitabili.
Rientrava a San Michele, sempre in bicicletta, ogni mese, per ritrovare la moglie con due figli in tenera età, 
percorrendo circa 430 chilometri tra andata e ritorno sul percorso Avellino-Napoli-Formia-Fondi-Terracina-
Paludi Pontine. Così avvenne per tutti e tredici i mesi della sua permanenza in quei luoghi, riuscendo a 
risparmiare circa duemila lire. Anche in condizioni di estremo disagio l’agricoltore Salvatore Renzulli seppe 
offrire prova della sua maestria per tutti i lavori legati alla Madre Terra; difatti Mussolini, nel corso di uno dei 
suoi frequenti sopralluoghi nell’agro, apprezzò così tanto il lavoro svolto dalla sua squadra che volle 
conoscerlo personalmente per congratularsi e concedergli senza indugio un premio sulla paga.
Nel 1941 fu richiamato alle armi ma collocato in congedo avendo famiglia numerosa. Fu sindaco di S. 
Michele da dicembre 1946 a maggio 1952, continuando poi a far parte delle amministrazioni comunali per 
altri dodici anni. Uomo di spiccata intelligenza, di grande nobiltà d’animo e di forte carattere, mantenne gli 
impegni assunti con il suo nobilissimo discorso di insediamento. Lo caratterizzò la gentilezza e la 
disponibilità verso tutti i suoi concittadini, nessuno escluso, che gli si rivolgevano spesso per consigli. Fu 
per queste sue rare qualità che il popolo sammichelese identificò in Salvatore Renzulli il Sindaco per 
antonomasia, attribuendogli il nome che lo ha poi contraddistinto per tutta la vita, “Salvatore ‘o Sinnico”.
Nel 1946 gli fu conferito diploma di benemerenza dal Comitato Direttivo della rassegna “Albo d’Onore 
dell’Industria e Agricoltura Italiana della Ricostruzione” con la seguente motivazione: «Per la tenacia che lo 
avvince alla fatica nobilissima dei campi; per l’esemplare condotta nella famiglia e nella società; per il 
benessere che apporta a sé e al Paese».
Si spense in via Campo S. Maria il 23 giugno 1995 tra l’accorato dolore collettivo del popolo sammichelese, 
fiero di aver avuto “questo Padre”.
(Aldo Renzulli - PROFILI per nuova toponomastica a S. Michele di Serino - Delibera consiliare Comune di 
S. Michele di Serino n. 16 del 28.3.2008)

by Renzulli Salvatore / Salvatore 'or Sinnico
He was born on 8 October 1902 in S. Michele di Serino (AV) from Pasquale and Maria Cimminiello. Since 
he was a child he showed an early aptitude for the most demanding agricultural jobs.
In June 1922 he enlisted in the Guardia di Finanza Corps, serving until June 1928 at the Legions of Cagliari, 
Rome and Naples; he was forced to leave to help the family in the cultivation of the fields, being the father 
Pasquale again emigrated to the United States where he had worked for three years in search of better 
luck. In December 1928 he contracted marriage with Carmela Vigorita, with whom he had six children: 
Pasquale, Antonio, Maria, Giovanna, Alba and Celestino.
The world economic crisis that had also affected Italy convinced him in 1933, with a few other 
Sammichelesi, to go by bicycle to the Pontine Marshes, facing terrible conditions of life and work, where 
the fascist regime intended to transform those territories infested by malaria north of Terracina in arable and 
habitable lands.
He returned to San Michele, always by bicycle, every month, to find his wife with two children at an early 
age, covering about 430 kilometers between the round trip on the Avellino-Naples-Formia-Fondi-Terracina-
Paludi Pontine route. So it happened for all thirteen months of his stay in those places, managing to save 
about two thousand lire. Even in extremely uncomfortable conditions, the farmer Salvatore Renzulli was able 
to offer proof of his mastery for all the works related to Mother Earth; in fact Mussolini, during one of his 
frequent inspections in the countryside, appreciated so much the work done by his team that he wanted to 
meet him personally to congratulate him and give him a pay bonus without delay.
In 1941 he was called to arms but placed on leave having a large family. He was mayor of S. Michele from 
December 1946 to May 1952, then continuing to be part of the municipal administrations for another twelve 
years. A man of strong intelligence, of great nobility of mind and strong character, he kept the commitments 
made with his very noble inauguration speech. He was characterized by kindness and availability towards 
all his fellow citizens, none excluded, who often turned to him for advice. It was for these rare qualities that 
the people of Sammichelese identified Salvatore Renzulli as the Mayor par excellence, giving him the name 
that then distinguished him throughout his life, "Salvatore 'or Sinnico".
In 1946 he was awarded a diploma of merit by the Steering Committee of the review "Roll of Honor of the 
Italian Industry and Agriculture of Reconstruction" with the following motivation: "For the tenacity that binds 
him to the noble effort of the fields; for the specimen conducted in the family and in society; for the well-
being it brings to itself and to the country ".
He passed away in via Campo S. Maria on 23 June 1995 amid the sorrowful collective pain of the people of 
San Marino, proud of having had "this Father".
(Aldo Renzulli - PROFILES for new toponymy in S. Michele di Serino - Council resolution Municipality of S. 
Michele di Serino n. 16 of 28.3.2008)

Parents
RENZULLI Pasquale (EST 1895 - )
CIMMINIELLO Maria (EST 1895 - )

Siblings
RENZULLI Salvatore (8 Oct 1902 - 23 Jun 1995)
RENZULLI Alessandro ()

Marriage To VIGORITA Carmela () m. Dec 1928 Notes Children by VIGORITA Carmela
RENZULLI Pasquale () RENZULLI Antonio () RENZULLI Maria () RENZULLI Giovanna () RENZULLI Alba () RENZULLI Celestino ()
Produced by Fzip 1.7 12/23/2023